Micro-Factory – A place like home


Un laboratorio temporaneo in Triennale per la mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo"


Autore

Dotdotdot + OpenDot

Committente

999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo

Data

12 gennaio – 2 aprile 2018

Macro Progetto

Micro-Factory – A place like home

Co-design, open source e innovazione digitale possono migliorare il nostro abitare?
Questa è la domanda di Dotdotdot e OpenDot per 999. una collezione di domande sull’abitare contemporaneo, una mostra-evento lunga tre mesi e piena di attività e appuntamenti.
Per 3 mesi siamo a La Triennale di Milano dal 12 gennaio al 2 aprile 2018.

Sempre di più viviamo in contesti di ibridazione tra ambiente domestico e lavorativo, tra produzione e consumo, tra pubblico e privato. Micro-factory è un laboratorio del possibile, un sistema di relazioni, attività esperienze e progetti dove convergono traiettorie di sviluppo inaspettate in grado di generare innovazione.

Dotdotdot con il supporto di OpenDot ed altri partner, presenta un palinsesto di eventi in uno spazio aperto, animato da persone e progetti, un laboratorio dove poter fare e creare tutto, o quasi, grazie a know-how, filosofia open source e macchinari a controllo numerico, come laser cutter e stampanti 3D. Una piattaforma di scambio, un laboratorio a metà fra un salotto dove si scambiano idee e un garage dove si costruiscono cose, un’ibridazione da cui nascono progetti, riflessioni e soluzioni in grado di allargare il nostro abitare, per renderlo migliore.

Micro-Factory_Dotdotdot-OpenDot_by_Cortili_photo1_LQ
Un luogo di produzione in città, che possa favorire lo sviluppo di relazioni e di innovazioni nell’ambito del design ma non solo, con un focus acceso su quattro tematiche: health, food, kids e future living.
E dunque quali scenari possibili? Come cambia il design grazie alle nuove tecnologie di manifattura digitale? La co-progettazione è il miglior veicolo verso l’innovazione?
cartolina_calendario DIGITALout cartolina_calendario DIGITALout
Photo credits: Omar Sartor
I progetti sviluppati nella Micro-Factory